ITALIANHOMESTAGING Cultura & Valorizzazione Immobiliare & Real Estate Marketing & Ecodesign & Relooking
Home » NOVITA' e IDEE » 28/11/2011 - Letto per Voi: "Cambio Casa con Andrea"

NOVITA' e IDEE

28/11/2011 - Letto per Voi: "Cambio Casa con Andrea"

Dal format televisivo "Cambio Casa , Cambio Vita" all'inchiostro

Andrea Castrignano, giovane (siamo coetanei e quindi non potrebbe essere altrimenti) e poliedrico interior designer milanese ci aveva già conquistato con il suo programma "Cambio Casa, Cambio Vita": fresco e vicino all'esigenze di tutti noi umani. Non case da sogno, ma case belle e vere quelle che ci ha proposto nelle otto puntate andate in onda su La5 (speriamo ne vengano registrate altre); ambienti reali nei quali si destreggiava con squisito gusto per i colori (mitici il blu balena, il visone sempre abbinati al bianco 9010... dal n. di codice ral), "gigionando", senza mai esagerare, con i suoi due angeli custodi, due "architette" e problem solver gemelle , quale miglior scelta...anche di marketing. E, anche se di marketing si tratta, e di quello ben pianificato a tavolino ( che si definisce non a caso "strategico" ),  proprio per non abbandonare i propri seguaci,  "trac" pronto nelle librerie il manuale: "Cambio Casa con Andrea", a firma dello stesso Andrea Castrignano e della giornalista Rosa Tessa (ed. Vallardi A., 2011). 238 pagine piacevoli ed allegre, anche nell'impostazione grafica, con tanti esempi pratici e casi felicemente risolti , sulle orme del successo del programma televisivo. Pagine colorate, scorrevoli, a volte frivole ma ricche di tanti spunti per tutta la community ... perchè nessuno nasce senza buon gusto e la casa sempre più esprime il nostro modo di essere, nè più ne meno del nostro modo di vestire. Non manca un'ampia sezione dedicata ai colori e seppur di home staging non si parla palesemente, un capitolo è proprio riservato a chi vuole vendere casa. E allora niente "personalizzazioni" ma scelte più sobrie, senza dimenticare che tutte le case sono ingombre del troppo: rupe tarpea per i souvenir di viaggio e le kitcherie... e le collezioni, se proprio non si possono eliminare, è meglio raggrupparle. Riscoprite i vecchi oggetti come i candelabri decontestualizzandoli ... E mi raccomando lasciate una vecchia moka in bella vista in cucina!
Buona lettura e...bravo Andrea!